CENTRO INTERCULTURALE CON DONNE “MIGUELIM”

RESPONSABILE:
 Alessandra Smerilli: ale@asinitas.org
la scuola di italiano è aperta il martedì e il giovedì dalle 9.30 alle 13.00
img_0020

 

 


 

 

 

Nell’azione di Asinitas il Centro Interculturale Miguelim è il cuore delle attività con le donne straniere e i bambini.

Il Centro è situato a Torpignattara, uno dei quartieri di Roma maggiormente abitati da cittadini di origine straniera, troppo spesso alla ribalta sui media per le difficoltà di integrazione, le conflittualità sociali, il degrado urbano, ma che invece, soprattutto negli ultimi anni, sta diventando uno straordinario laboratorio sociale a cielo aperto, ricco di esperienze di impegno civico e di incontro tra le comunità e luogo unico per la sperimentazione di pratiche di convivenza multiculturale.

Il centro è nato all’interno della scuola d’infanzia Carlo Pisacane nel 2006 con le madri degli alunni di origine straniera e nel 2010 si è trasferito nella sede attuale di via Policastro 45 per poter meglio rispondere all’alto numero di partecipanti.

Ogni anno il centro accoglie circa 100 donne principalmente del Subcontinente Indiano (Bangladesh, India, Pakistan) e del Nord Africa arrivate in Italia con il ricongiungimento familiare e spesso sposate per procura, ma anche donne rifugiate e richiedenti asilo dall’Africa Sub-Sahariana e Medio Oriente che vivono nei centri di accoglienza e donne arrivate sole dall’ Europa dell’Est, le Filippine e il Sud America spesso impiegate in lavori domestici e di cura.

Le donne che incontriamo spesso sono giovani, con figli nati qui o lasciati al paese, sono donne vulnerabili a rischio di isolamento sociale che esprimono non solo il bisogno di apprendere la lingua italiana, ma anche di socialità e di inclusione, di costruzione di legami significativi e di contesti di cui sentirsi parte attiva.

L’obiettivo principale del centro è dunque contrastare l’isolamento delle donne migranti e costruire insieme a loro una comunità che si offra come punto di partenza e riformulazione del progetto migratorio e di vita, come terreno di incontro, scambio ed educazione interculturale, come rete di sostegno, come luogo per la rielaborazione della rappresentazione sociale di sé come individui e come gruppo.

Con gli anni, grazie all’impegno delle donne e al sostegno della rete territoriale, il Centro è diventato un’esperienza autentica di polo pedagogico interculturale in grado di offrire alla cittadinanza e alle nuove generazioni la possibilità di sperimentare insieme un nuovo modello di incontro e convivenza interculturale.

All’interno del Centro si realizzano:

  • Una scuola d’italiano L2 per donne con in parallelo uno spazio di accoglienza per i bambini in età pre-scolare.
  • Parole di mamma – percorsi di sostegno alla maternità
  • Corsi di italiano per donne lavoratrici
  • Corsi di lingue per bambini e adulti (arabo, bengali, cinese, inglese)
  • Corsi di arti tradizionali delle comunità (Danza e canto indiano)
  • Spazio di ascolto individuale e di gruppo per il sostegno psicologico, l’orientamento sociale, formativo e professionale.
  • Laboratori manuali, espressivi e teatrali
  • Promozione e organizzazione di feste interculturali ed occasioni conviviali di piazza sul territorio.