Proposte formative

Tutte le proposte formative prevedono l’intreccio e la compresenza di metodologie e pratiche dell’apprendimento esperienziale, ma possono essere tarate, a seconda delle esigenze e dei desideri dei gruppi, su specifiche aree di intervento: didattica dell’italiano L2, narrazione orale e scritta, laboratori manuali ed espressivi.

Per richiedere una formazione o per avere maggiori informazioni:

• Cecilia Bartoli: ceba@hotmail.it
• Carolina Purificati: carolinapurificati@yahoo.it
• contatti@asinitas.org

Italiano L2

italiano L2

– imparare a leggere e a scrivere insieme ad analfabeti adulti
– strumenti didattici montessoriani per un approccio analitico all’italiano L2
– il testo libero e il metodo naturale, narrazioni biografiche e auto-biografiche
– letteratura, miti, favole e fiabe di tradizione a scuola
– il gruppo e la co-costruzione di un contesto educante
– educazione all’ascolto e all’osservazione
– sfondi integratori e aree tematiche
– le interlingue
– il trattamento dell’errore
– costruzione dei materiali didattici per una didattica operativa

La narrazione come scambio interculturale e educazione alla convivenza

La narrazione come scambio interculturale e educazione alla convivenza– la narrazione scopre o riscopre vissuti, saperi, visioni del mondo che ognuno porta con sé
– la narrazione facilita l’immedesimazione e l’empatia
– la narrazione relativizza il proprio vissuto iscrivendolo nella storia collettiva
– la narrazione connette e riordina gli elementi frammentari dell’esperienza facendo perdere al caos il carattere minaccioso e restituendogli una forma
– la narrazione riflette la propria relazione con il mondo
– la narrazione restituisce corpo e voce al protagonismo di tutti

Laboratori espressivi e manuali

Laboratori espressivi e manuali

– la costruzione di un’esperienza comune attraverso il fare
– la narrazione auto-biografica con l’espressione del sé a livello simbolico
– la creazione di comunicazione, scambio e reciproca conoscenza intorno a oggetti concreti
– laboratori individuali, di piccolo gruppo e di gruppo
– l’allestimento dello spazio e dei materiali
– tempi, modalità di proposta e attrezzi adeguati.

Approccio alla persona migrante e conduzione dei gruppi

co conduzione gruppi

– la co-costruzione di un contesto dotato di senso
– la sospensione del giudizio
– immaginari personali, collettivi e costruzione di un immaginario comune come costruzione di consapevolezza di sé e degli altri come costruzione di comunità.