Arte, teatro, scuola e città:insegnare la lingua con la bellezza EVENTO SOSPESO

E’ con grande rammarico che, in seguito alla sospensione delle attività didattiche e alla limitazione degli eventi pubblici, dichiariamo che la formazione è rimandata a data da destinarsi!

«Io voglio bene a questa casa, senza il giardino dei ciliegi io non capisco più la mia vita!
Se lo dovete vendere per forza, allora vendete anche me».

A.Checov_Il giardino dei ciliegi.


6, 7 e 8 marzo 2020, Roma

Un corso di formazione per operatori, insegnanti, educatori, costruire dei percorsi educativi e didattici che dialoghino con l’arte, con gli spazi simbolici, immaginifici e urbani.

La scuola di italiano in particolare, vissuta oggi come luogo di resistenza cittadina e comunitaria, si confronta con le altre istituzioni culturali della città. Si fa scuola nei teatri e nei musei, luoghi di arte, di incontro generativi di storie.

Dalla sala prove del Teatro Argentina esploreremo le possibilità che il teatro ci offre per narrare noi stessi nel confronto con la società che ci circonda; il corso sperimenterà un approccio che renda la scuola un laboratorio di cittadinanza attiva volto all’interazione tra culture attraverso il teatro vissuto da spettatori e da attori come pratica sociale.

La visione dello spettacolo Il giardino dei ciliegi al Teatro Argentina darà il via a laboratori narrativi e didattici, così come il traning teatrale affinerà strumenti per l’espressività di ciascuno.

La città e la scuola si fondono, le comunità convergono in un unico progetto di cittadinanza culturale.

Asinitas da anni crea contesti di apprendimento con persone straniere basati sul desiderio espressivo, in cui la lingua è costruzione di nuove identità, luogo di appaesamento e di comunità, il materiale simbolico dell’arte è il suo veicolo preferenziale

Contributo 125 euro per i primi 5 iscritti, 135 euro per i successivi
Il costo include il biglietto per lo spettacolo.

FORMATORI:
Luca Lòtano, insegnante di italiano L2, giornalista pubblicista, regista teatrale per il progetto “Radio Ghetto”, dal 2016 utilizza il teatro come medium narrativo e didattico dando vita al progetto Spettatori Migranti/Attori Sociali. Nel 2019 racconta l’esperienza in un audiodocumentario su Radio Tre (Visioni. Tre anni di Spettatori Migranti)

Cecilia Bartoli fondatrice insieme ad altri dell’associazione Asinitas onlus, Psicologa/psicoterapeuta, insegnante L2, coordina percorsi di teatro sociale e comunitario con persone straniere.

PER INFO CONSULTA LE FAQ O SCRIVI A [email protected]